A+ A A-

Il mio personale Capodanno

“L’estate sta finendo, e un anno se ne va…” cantavano i Righeira nel lontano ’85, ed  anche io, nella mia stanzetta rosa, in un paesino ancora in stato di pennichella da primo pomeriggio, in una giornata nuvolosa e un po’ anonima, mi rendo conto di quanto, questa frase, si addica perfettamente allo stato d’animo che la fine di agosto porta con sé.

Sì, l’estate sta finendo sul serio, ormai pochissimi giorni ci tengono lontani dal tanto temuto “rientro”, dall’inizio della nostra routine quotidiana, da quella frenesia che ci attanaglia e che ci scrolla di dosso il “dolce far niente estivo”, per azionare il tasto “modalità=ON” e dare un sferzata di vitalità e grinta, perse durante il letargo estivo.

Personalmente, settembre, è come se fosse il mio vero e proprio capodanno, è esattamente in questo mese che mi lascio cullare dall'unico brivido che riesce a darmi la speranza di nuove occasioni, nuove emozioni e nuovi sogni da realizzare; brivido che non provo assolutamente il 1° di Gennaio come i comuni mortali (sarò stata tarata male, pardon).

E così, come ogni fine d’anno che si rispetti, voglio considerare Agosto a mo’ di un vero e proprio Dicembre, stilando una lista di quello che l’estate-anno vecchio porterà via con se (spero), e una lista di quello che, invece, il mio Settembre-Gennaio auspico mi riservi sotto un mucchio di foglie secche appena cadute.

Per prima cosa, vorrei con tutto il cuore, che l’estate 2014 si porti via la moda dei crop top (o come diavolo si chiamano; per la serie “parla come mangi” io li chiamerei semplicemente “magliette con l’ombelico di fuori”), che, resuscitati dagli anni ’90, possono passare inosservati, con un beato e plateale “chissene” se hai 18 anni e un fisico da urlo con gli addominali scolpiti, ma che non posso assolutamente accettare se l’età avanza, la trippa penzola e i reumatismi ti beffano con un ghigno dietro l’angolino.

 


Spero con tutto il cuore che l’estate 2014 porti via con sé, alla velocità della luce, i pantoloncini faticosamente alzati in vita e in versione “mutandona di nonna Abelarda”… Non so se ho reso l’idea, parlo di quei pantaloncini con la crisi d’identità perché si credono un perizoma… insomma, meglio di così non potrei fare, cadrei irrimediabilmente nel volgare!



Ma va bene così dai, non prendetevela, ridiamoci su,  le mode sono mode , non voglio essere la criticona che si potrebbe pensare, parli solo per invidia di chi invece  sfoggia con grandissima nonchalance questi capi (a volte anche entrambi contemporaneamente, bonjour finesse) !
Dico solo che, non sono né alla mia portata (con due bei cosciotti succulenti come i miei rischierei di apparire più simile ad un roast-beef che ad  una ragazza très chic) e sinceramente non fanno parte del mio armadio (giuro che non ci nascondo nessuno scheletro).

Spero invece che il mio privato inizio di anno nuovo sia il migliore che si possa desiderare, ricco di:

1)nuovi sogni da realizzare (quelli non si esauriscono mai, altro che cassetti, io ne ho di armadi pieni);

2) nuove cose da imparare, “Stay hungry, stay foolish” (lezione imparata, caro Steve);

3)nuove mode che mi facciano sia appassionare che rizzare i capelli (perché il bello della moda è proprio questo,  è arte, pura arte, o ti piace o non ti piace, sempreché questa non scada nel volgare altrimenti proprio no);

4) viaggi in giro per il mondo, che mi possano dare l’occasione di vedere cose che mi facciano continuamente stupire della vita e della sua estrema  bellezza, del pianeta Terra e delle persone che lo popolano;

5) tanti libri da gustare nel mio personalissimo momento preferito: il giorno dopo aver dato un esame in facoltà, quando per un breve attimo pregusti quella sensazione indescrivibile che ti fa sentire libera di dedicarti a “quello che ti va” e non a quello che “devi fare”);

6) per finire, di serenità e felicità (un po’ come quei tristi messaggini di circostanza che si inviano ai parenti a Capodanno, tutti uguali).

Allora godetevi gli sgoccioli di questa estate 2014, scattate tante foto mentali (non selfie, vi prego, ne abbiamo abusato abbastanza per quest’anno) di quello che vi ha ispirato, emozionato ed elettrizzato durante quest’estate, incamerate quanta più energia e positività possibili e non mi resta che augurare anche a voi…Buon Anno nuovo, ehm, Settembre! 

Last modified onSabato, 06 Settembre 2014 11:46

14413 comments

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.